CLEAN edizioni

Classici
Amate l’architettura PDF Stampa
Amate l’architettura
Gio Ponti
Rizzoli (Milano)
€ 30.00

(commento alla prima edizione del 1957)
L’architettura è un cristallo

Giò Ponti, dice James Plaut, è fra gli altri eccellenti architetti che oggi conta l’Italia, maturi e giovanissimi, una figura complessa per la attività - estesissima e appassionata - che lo caratterizza. Nel suo studio milanese di Via Dezza, nella collaborazione con Fornaroli e Rosselli, si progetta e si opera per Milano, per Padova, per il centro di Voghera, per San Paolo, per Buenos Aires, per Bagdad, per Stoccolma , per Caracas, si progetta con Fornaroli e Rosselli, Valtolina e Dell’Orto il grattacielo Pirelli, con Portaluppi il Palazzo della RAS, si lavora con una estensione che va dalle ville, alle case, alle cliniche, ai palazzi d’uffici, agli alberghi, alle scuole, alle centrali elettriche, all’arredamento di navi (l’Andrea Doria), al Carmelo di Sanremo, alle Chiese, al coordinamento di città satelliti, alle consulenze per Parigi, per Lourdes, si organizzano mostre all’estero, si sviluppa una attività internazionale per il “disegno industriale”, ecc. Ponti è orgogliosissimo di appartenere a quel numero di Italiani che stanno dando splendore all’Italia d’oggi, nelle arti, nella architettura ed in ogni altro campo. A chi gli chiede se non lo interessa lo splendore del passato egli risponde “sì, ma anche - e più - lo splendore del futuro, quello per il quale soltanto noi operiamo, perché eguagli lo splendore del passato nel quale non possiamo farci nulla”.
 
Autobiografia scientifica PDF Stampa
Autobiografia scientifica
Aldo Rossi
Edizioni il Saggiatore (Milano)
€ 20.00

“Pensavo, in questo libro, di analizzare i miei progetti e i miei scritti, il mio lavoro, in una sequenza continua; comprendendoli , spiegandoli, e nello stesso tempo riprogettandoli. Ma ancora ho visto come, scrivendo di tutto questo, si crei un altro progetto che ha in sé qualcosa di imprevedibile e di imprevisto” (Aldo Rossi).
 
Groszstadt Architektur PDF Stampa
Groszstadt Architektur
Ludwig Hilberseimer
Edizioni Clean (Napoli)
€ 18.00

Ludwig Hilberseimer (1885-1967) negli anni Venti si impose come una delle voci più autorevoli della nuova architettura. Lavorò come professionista a Berlino fino al 1928. L’anno precedente aveva partecipato all’esposizione del Werkbund di Stoccarda, realizzando una casa sulla collina del Weißenhof, e aveva pubblicato Internationale neue Baukunst e Großstadt Architektur. Oggetto privilegiato del suo interesse è sempre stato il problema della grande città. Del 1928 è Beton als Gestalter, scritto con Julius Vischer, e del 1931 Hallenbauten, in cui vengono esaltate le potenzialità dei nuovi materiali da costruzione quali ferro e cemento armato. Dal 1929 al 1933, chiamato da Hannes Meyer, insegnò urbanistica in qualità di “Meister” al Bauhaus. Nel 1938 si traferì a Chicago, dove divenne docente all’Illinois Institute of Technology, per poi essere nominato direttore del Department of City and Regional Planning. Numerosi furono gli scritti del periodo americano, in maggioranza dedicati proprio ai temi della pianificazione urbana: Principles of Planning (1944), The New Regional Pattern (1949), The Nature of Cities (1955), Entfaltung einer Planungsidee (1963) e Berliner Architektur der zwanziger Jahre (1967). All’intensa attività pubblicistica corrispose un impegno notevole per progetti di scala urbana, come i piani per le città di Maui (Hawaii, 1947), Chicago (1948-50), Seattle (1957) e il progetto per il Lafayette Park a Detroit con Mies van der Rohe (1959), l’unico ad essere realizzato.
 
I pionieri dell’architettura moderna PDF Stampa
I pionieri dell’architettura moderna
Nikolaus Pevsner
Edizioni Garzanti (Milano)
€ 16.00

Il volume documenta la genesi e lo sviluppo della prima età del Movimento moderno dal Palazzo di Cristallo del 1851 e dalla Casa Rossa costruita per William Morris nel 1859 alla fabbrica modello proposta da Gropius e Meyer all'esposizione di Colonia del 1914.
 
I quattro libri dell’architettura PDF Stampa
I quattro libri dell’architettura
Andrea Palladio
Edizioni Hoepli (Milano)
€ 40.00

I quattro libri dell'architettura sono un trattato in quattro tomi pubblicato nel 1570 dall'architetto rinascimentale Andrea Palladio (1508-1580) che iniziò a scrivere il trattato a soli 22 anni e lo arricchì poi con le proprie opere. La prima edizione de I quattro libri dell'architettura vide la luce a Venezia nel 1570. Seguono varie edizioni e rifacimenti posteriori, oltre a traduzioni in francese, olandese e inglese. All'interno di questo testo sono presenti illustrazioni atte a dimostrare le idee del Palladio su temi come purezza e semplicità dell'architettura classica, disegnate di suo pugno.
Il libro riscosse notevole successo e ispirò l'opera di un gran numero di architetti fino a tutto il XIX secolo. L'architettura palladiana guadagnò popolarità in tutta Europa e, per la fine del XVIII secolo, fu conosciuta anche in America settentrionale, divenendo la più influente pubblicazione d'architettura mai prodotta e determinando gran parte dell'immagine architettonica della civiltà occidentale.
 
L’Architettura della città PDF Stampa
L’Architettura della città
Aldo Rossi
Quodlibet (Macerata)
€ 20.00

Dalla prima pubblicazione de L’architettura della città di Aldo Rossi nel 1966, la critica al “funzionalismo ingenuo”, i concetti di locus, monumento e tipo non abbandoneranno più la discussione disciplinare, riportando al centro del dibattito il grande tema della forma. In questo senso il libro, insieme al coevo Complessità e contraddizioni nell’architettura di Robert Venturi, rappresenta uno spartiacque nella letteratura architettonica internazionale – anche grazie alle numerosissime traduzioni estere. Nessuno però come lo stesso Rossi ha saputo riassumere a posteriori il destino del suo primo e più importante libro che conteneva in potenza tutta la sua architettura futura: “Come un dipinto, una costruzione o un romanzo un libro diventa un’opera collettiva che ognuno può interpretare a suo modo oltre le intenzioni dell’autore”. La struttura di questo saggio è quadripartita: nel primo capitolo sono analizzati i problemi di descrizione e di classificazione dei fatti urbani e quindi i problemi tipologici dell’architettura; nel secondo la struttura della città per parti; nel terzo l’architettura della città e del locus su cui questa insiste e quindi della storia urbana; nel quarto infine l’autore accenna alle principali questioni della dinamica urbana e al problema della politica come scelta.
 
Osservazioni elementari sul costruire PDF Stampa
Osservazioni elementari sul costruire
Heinrich Tessenow (a cura di Giorgio Grassi)
Edizioni Franco Angeli (Milano)
€ 19.00

Hausbau und dergleichen, questo il titolo originale, è stato tradotto e viene riproposto oggi in quanto rappresenta complessivamente una lezione di architettura profondamente attuale. Malgrado sia stato scritto nel 1916, questo libro si misura concretamente non solo con il pensiero contemporaneo, ma anche – e forse in modo più diretto – con le successive formulazioni teoriche del movimento moderno e in questo senso è capace di far giustizia di molti falsi problemi dibattuti ancora ai giorni nostri.
 
Parole nel vuoto PDF Stampa
Parole nel vuoto
Adolf Loos
Adelphi (Milano)
€ 15.00

Come vestirsi? Come arredare la propria casa? Che cosa mangiare? Come comportarsi in società? A queste domande elementari e angosciose diede risposte oggi più che mai giuste e sorprendenti uno dei grandi architetti del nostro tempo, il viennese Adolf Loos (1870-1933). La sua chiaroveggenza andava parecchio in là: le devastazioni, oggi palesi, prodotte da tanti tristi connubi fra arte e industria, la snobistica volgarità degli arredatori, il culto avvilente del pittoresco, la bassezza di ogni tentativo di ‘arte nazionale’, il rapporto turistico col passato, dominante nella psiche dei ‘nuovi ricchi’ della cultura lo ha saputo vedere già allora, semplicemente osservando gli oggetti che lo circondavano. Aveva il dono di cogliere in ogni minuzia della vita quotidiana la miseria e gli splendori di tutta una civiltà. Non solo: con generoso spirito pratico e una commovente fiducia nella capacità di migliorarsi della società – unita a una perfetta lucidità nel vederne le vergogne – Loos offriva anche soluzioni, voleva aiutare a vivere – e ci riusciva anche, oltre tutto per le sue splendide doti di scrittore, per l’immediatezza, la sobrietà, la verve, per la carica invincibile di simpatia che ha la sua prosa.
Le Corbusier scrisse: «Loos è passato con la scopa sotto i nostri piedi e ha fatto una pulizia omerica, esatta, sia filosofica che lirica». Il risultato di quella ‘pulizia omerica’ fu una nuova concezione dello spazio e dell’abitazione che Loos imponeva, nei suoi edifici, con l’autorità dei grandi maestri. Spesso rivoluzionario nelle soluzioni, eppure legato come pochi alla grande tradizione architettonica e artigianale, Loos è un caso di clamorosa indipendenza di spirito nel nostro secolo. Di grande ironia: «È noto che non annovero gli architetti fra gli esseri umani».
 
Progettare un edificio. Otto lezioni di architettura PDF Stampa
Progettare un edificio. Otto lezioni di architettura
Ludovico Quaroni
Edizioni Kappa (Roma)
€ 20.00

La progettazione, in architettura e urbanistica, è un’attività in forte crisi e per molteplici ragioni, non ultima quella dovuta alla perdita del concetto stesso di architettura come “organismo” o, meglio, nella quale debbono fondersi le varie scale della progettazione e le diverse dimensioni, tecnologica, funzionale ed estetica, le quali sembra cerchino da tempo di isolarsi ognuna da una privatissima strada propria. […] L’architettura a cui il libro si rivolge non è tuttavia quella con la A maiuscola, cioè l’opera d’arte: è piuttosto l’intervento sul territorio ai vari livelli di progettazione verso la “qualità diffusa”; una qualità che si possa, si debba trovare dappertutto, negli spazio come negli oggetti, nelle programmazioni come negli edifici, perché ognuno, in ogni luogo, possa trovare l’ambiente di vita valido per tutti, sotto ogni punto di vista.
 
Punto Linea Superficie PDF Stampa
Punto Linea Superficie
Wassily Kandinsky
Adelphi (Milano)
€ 16.00

«È come un pezzo di ghiaccio entro cui brucia una fiamma» scriveva Kandinsky in una lettera del 1925, alludendo alla sua pittura. Ma lo stesso si potrebbe dire del libro che egli avrebbe pubblicato pochi mesi dopo, Punto, linea, superficie, testo capitale e rinnovatore per la teoria dell’arte e non solo per essa. Fra tutti i grandi pittori del ’900 Kandinsky è quello che forse più di ogni altro ha sentito l’esigenza di dare una formulazione teorica ai risultati delle proprie ricerche e di allargarne il significato toccando tutti i piani dell’esistenza. Punto, linea, superficie si presenta come un’opera fredda e tecnica, ma in realtà è l’espressione più articolata, matura e sorprendente del pensiero di Kandinsky. Alla base del libro sono i corsi che Kandinsky teneva dal 1922 al Bauhaus. In essi egli mirava soprattutto a individuare la natura e le proprietà degli elementi fondamentali della forma, perciò innanzitutto del punto, della linea e della superficie. Con estremo radicalismo Kandinsky dichiarava allora di voler fondare una scienza dell’arte: nel corso ulteriore delle ricerche i problemi avrebbero dovuto esser risolti matematicamente, e su questa strada si sarebbe mossa tutta l’arte futura. Kandinsky ci insegna ad «ascoltare» la forma, come mai nessuno prima di lui, e il suo insegnamento ci mette in un nuovo rapporto con l’opera d’arte, ci apre una possibilità di esplorazione, che è, come scriveva egli stesso, «la possibilità di entrare nell’opera, diventare attivi in essa e vivere il suo pulsare con tutti i sensi» .
 
Storia dell’Architettura Contemporanea PDF Stampa
Storia dell’Architettura Contemporanea
Renato De Fusco
Edizioni Laterza (Bari)
€ 49.00

Il volume di De Fusco è stato uno dei testi di Storia dell’Architettura che ha fatto scuola. In questa nuova edizione si completa con un nono capitolo relativo all'ultimo decennio del Novecento. In esso vengono prese in esame le più recenti tendenze dell'architettura contemporanea, quelle del decostruzionismo, del minimalismo, del transculturalismo, fino all'architettura telematica. Oltre a questo completamento, l'opera, riveduta e corretta, ha conservato la sua struttura originale: ogni tendenza architettonica, dall'eclettismo storicistico al razionalismo, dalle macrostrutture al postmoderno, viene rappresentata con i suoi protagonisti, inquadrata nelle condizioni storico-sociali del suo tempo e interpretata con un tipo ideale rispetto al quale sono esaminate le opere più significative.
 
Storia dell’Architettura Moderna PDF Stampa
Storia dell’Architettura Moderna
Leonardo Benevolo
Edizioni Laterza (Bari)
€ 42.00

L'architettura moderna è la lunga avventura per uscire dall'eredità dell'antico regime e costruire, insieme a tutto il resto, una cultura architettonica adatta al mondo presente. Nel 1919, quando Gropius apre la scuola di Weimar, si è compreso che per far questo bisognava liberarsi non solo di quella eredità, ma anche delle impazienze acquisite nel corso dell'impresa, e per riuscirvi sono occorsi i successivi settant'anni. L'aggettivo "moderno" denota tutto il periodo in cui questa ricerca resta associata alla polemica innovativa.
 
Storia dell’Architettura Moderna PDF Stampa
Storia dell’Architettura Moderna
Kenneth Frampton
Edizioni Zanichelli (Bologna)
€ 35.70

Fin dalla sua prima edizione, negli anni Ottanta, questo testo si è affermato nel mondo come un classico della storia e della critica dell’architettura moderna e delle sue origini. La chiarezza e la sintesi cronologica è realizzata da Frampton svolgendo i molteplici argomenti in singoli, agili capitoli, in cui ampio spazio è lasciato anche alle voci dei protagonisti. In quest’ultima edizione, la quarta, è stato aggiunto un nuovo capito lo che esplora i recenti effetti della globalizzazione in architettura, il fenomeno delle archistar e il modo in cui gli architetti dei vari paesi stanno affrontando le problematiche legate alla sostenibilità, alla cultura dei luoghi ed ai bisogni di una società urbanizzata.
 
Teoria del restauro PDF Stampa
Teoria del restauro
Cesare Brandi
Edizioni Einaudi (Torino)
€ 16.00

Intere generazioni di architetti, storici e specialisti della materia hanno mosso i primi passi nel mondo del restauro leggendo le pagine di questo straordinario documento, valido non solo come strumento teorico per la conoscenza della materia, ma del riconoscimento storico ed artistico di qualsiasi monumento o opera con cui confrontarsi.
“Il restauro costituisce il momento metodologico del riconoscimento dell’opera d’arte, nella sua consistenza fisica, in vista della sua trasmissione al futuro”.
 
Tre architetti rivoluzionari. Boullèe, Ledoux, Lequeu PDF Stampa
Tre architetti rivoluzionari. Boullèe, Ledoux, Lequeu
Emil Kaufmann
Edizioni Franco Angeli (Milano)
€ 27.50

Questo libro non tratta dell'architettura rivoluzionaria nella su totalità. Esso presenta, più di quanto avrebbe consentito un indagine generale sul periodo, le personalità più originali de movimento di riforma, narrandone le vite e trattando le loro opere e gli ideali per cui lottarono, Etienne-Louis Boullée, Claude-Nicolas Ledoux, e Jean-Jacques Lequeu non furono i soli esponenti dell'architettura rivoluzionaria francese. Molti altri che condivisero gli stessi ideali, ebbero lo stesso disprezzo per il passato e le stesse speranze di rinascita artistica, ma l'opera di questi tre rappresenta il culmine del movimento che pose fine ai Barocco e presagì l'architettura del XIX e XX secolo.
Essendo vissuti nell'atmosfera dei crescenti scontenti politici e sociali, gli architetti rivoluzionari vollero realizzare, per il bene comune, gli ideali del tempo, inventando schemi architettonici quali mai erano prima esistiti. Fecero la loro parte nel doppio compito del periodo: l'abbattimento del vecchio e l'edificazione del nuovo. Come altri che servirono la medesima causa, non furono risparmia ti dalle ordalie dell'epoca, e furono minacciati dal suo fanatismo. Alla fine essi stessi divennero disillusi e reazionari.
 
Una Autobiografia PDF Stampa
Una Autobiografia
Frank Lloyd Wright
Jaca Book (Milano)
€ 34.00

L’Autobiografia di Wright rappresenta il racconto di una straordinaria epopea umana ed al tempo stesso una registrazione delle conquiste professionali del grande architetto. Lungo le appassionanti pagine del libro si affacciano gli eventi che hanno concorso a forgiare la statura: lo spirito pionieristico della famiglia materna, la sensibilità romantica del padre, l’educazione volta a sviluppare in grado eccezionale capacità fantastiche razionali e lavorative, con le sue vittorie travolgenti e gli inevitabili momenti di amarezza, la confraternita di Taliesin. Mai un architetto prima di Wright aveva narrato la propria vita e riflettuto sulle proprie realizzazioni dando tanto spazio alle persone incontrate e alla forza generativa della terra. La concezione organica del maestro americano, i suoi progetti, le sue utopie urbanistiche, la sua fede nella democrazia ed proprio paese sono noti, ma assai meno nota è invece l’esuberanza della sua umanità che guarda piena di stupore lo svolgersi del destino e vi aderisce con passione e intransigente moralità.
 
Verso una Architettura PDF Stampa
Verso una Architettura
Le Corbusier
Longanesi (Milano)
€ 26.00

Con questo libro, apparso nel 1923 (e pubblicato per la prima volta in Italia da Longanesi nel 1973) Le Corbusier avviò il suo irruente dialogo con il pubblico e gli architetti destinato a svilupparsi nei successivi quarant’anni in innumerevoli pubblicazioni e in opere costruite e progettate tra le più importanti dell’architettura moderna. Oltre ad essere il primo testo della collezione dell’ “Esprit Nouveau”, il libro, che enuncia i fondamenti di una teoria architettonica di straordinaria modernità e singolare forza innovativa, costituisce uno dei maggiori documenti della cultura parigina ed europea di quegli anni.
 
  • Italiano
  • English

best-seller




.